Un sorriso per i judoka di Amatrice, Mirco Rendina si racconta

11 Settembre 2020

Offrire, attraverso l’uso integrato di vetture, tecnologia avanzata, innovazione e robotica, la migliore mobilità possibile per tutti: è questo l’obiettivo di Start your impossible, la campagna Toyota che segna un nuovo percorso del brand, un modo inedito di affrontare le sfide e i propri limiti. Ed è proprio nell’ambito delle iniziative volte a garantire libertà di movimento per tutti che è stato consegnato, nei giorni scorsi, un Toyota Proace Verso alla Federazione Italiana Judo di Amatrice. Il pulmino sarà utilizzato dai giovani Judoka per spostarsi in autonomia e partecipare alla vita agonistica in un luogo segnato dal terremoto che ancora oggi attende di rinascere. Era il 24 agosto del 2016 quando uno dei borghi più belli d’Italia fu raso al suolo da un sisma di magnitudo 6.0. A più di due anni da quel terribile giorno sono forti i segnali di rinascita partiti da più lati, tutti sono pronti a gettare via le macerie e ripartire proprio dai giovani.

Lo testimonia l’impegno di Mirco Rendina, il giovane maestro alla guida dell’associazione Judo Club Amatrice che sostiene e supporta da sempre i giovani atleti, con entusiasmo e dedizione, così come ha raccontato al nostro blog in questa intervista.

Start your impossible è il claim lanciato da Toyota con una campagna globale che ha toccato anche Amatrice. Felici di aver fatto parte di questa iniziativa?

Siamo felicissimi di questa iniziativa, che è stata possibile grazie al contributo di Toyota , IJF ( International Judo Federation) , FIJLKAM ( federazione italiana di Judo ) e CONI. Grazie a questo pulmino i ragazzi avranno la possibilità di poter partecipare a gare ed eventi in tutto il territorio nazionale, andando a rafforzare lo spirito di squadra che ci contraddistingue.

Il giorno della consegna del pulmino è stato un giorno di festa per i giovani atleti che si sono allenati con la nazionale italiana, come è andata?

In occasione della consegna del pulmino, oltre alla presenza dei rappresentanti di Toyota, FIJLKAM E CONI, abbiamo avuto l’onore di ospitare i campioni della nazionale italiana di Judo : Elio Verde, Rosalba Forciniti, Eleonora Geri, Gabriele Sulli, Antonio Ciano, Paolo Bianchessi e Giovanni Carollo. I campioni si sono cimentati in un allenamento insieme ai bambini e ragazzi dell’ASD Judo Club Amatrice, regalando loro sorrisi e spensieratezza.

La squadra judo di Amatrice è ripartita immediatamente dopo il sisma? Tanta forza e tanto coraggio…

In seguito al sisma del 24 agosto 2016 ci siamo impegnati per ripartire il prima possibile cercando di dare sostegno alla comunità. È in momenti come questi che lo sport diventa un punto di riferimento, un rifugio dalla distruzione e dalla solitudine. Bambini e ragazzi hanno dimostrato di avere tanta forza e coraggio, il loro sorriso nelle ore di allenamento ci ha dato la forza per superare momenti di tristezza.

Adesso avete un altro grande sogno, quale?

Ora il nostro sogno è quello di poter avere una “casa per la nostra famiglia” dove potersi allenare nel migliore dei modi e dare l’opportunità di usufruirne all’intera comunità attrezzando una palestra.

Roberta Buonpane

Altre news