Car of the Year 2020: c’è anche Toyota Corolla tra le sette finaliste

11 Settembre 2020

C’è anche Toyota Corolla tra le sette finaliste del Car of the Year 2020. Lo scorso 28 gennaio, a Balocco, si è tenuto il test drive delle finaliste che ha visto la partecipazione di Corolla sia in versione HB che TS con motorizzazione 2.0l da 184cv.

L’assegnazione del premio avverrà il 2 marzo, prima dell’apertura del Salone di Ginevra 2020. Ognuno dei 60 giurati, appartenenti alla stampa specializzata di 23 Paesi europei, avrà a disposizione 25 voti e le scelte dovranno essere comunicate entro il prossimo febbraio per arrivare alla proclamazione che è in programma – come abitudine – per la prima giornata dedicata alla stampa in occasione del Salone di Ginevra. La selezione dovrà essere fatta tra due modelli di grande diffusione, come le ultime generazioni della Peugeot 208 e della Renault Clio, ma i giurati potranno anche privilegiare nella votazione la Toyota Corolla, la Bmw Serie 1, la Ford Puma.

Possibili outsider sono anche le due elettriche Porsche Taycan e Tesla Model 3, che puntano a ripetere l’exploit della Nissan Leaf che vinse il titolo nel 2011 e della Jaguar i-Pace lo scorso anno. Le sette finaliste sono state scelta fra una prima lista di 30 modelli candidati: Audi e-Tron; Bmw Serie 1, Z4, X6 e X7; DS 3 Crossback; Ford Puma; Kia e-Soul; Mazda 3; Mercedes CLA e EQC; Nissan Juke; Opel Corsa; Peugeot 208; Porsche 911 e Taycan; Range Rover Evoque; Renault Captur, Clio e Zoe; Skoda Kamiq e Scala; Subaru Forester; Tesla Model 3; Toyota Camry, Corolla, RAV4 e GR Sopra; Volkswagen T-Cross.

Presidente dell’edizione 2020 del premio è l’italiano Ottavio Ottaviani, CFO del Corriere dello Sport e della Casa editrice di Auto, il mensile che fa parte del gruppo di 7 testate organizzatrici del Car of the Year.

Va ricordato che la nuovissima generazione 2020 della Toyota Corolla, comprendente la Corolla Hybrid, lo scorso novembre aveva già portato a casa un importante successo vincendo il titolo del Green Car Journal di Green Car of the Year. La Corolla si era distinta per l’eccezionale efficienza, funzionalità desiderate ed esperienza di guida soddisfacente. “La primissima aggiunta delle versioni ibride di questi modelli tradizionali così popolari è un vantaggio concreto – aveva commentato Ron Cogan, redattore ed editore di Green Car Journal – Un aspetto significativo è che il prezzo rende la versione sia convenzionale sia ibrida abbordabile per moltissimi acquirenti, piuttosto che per soli pochi”.

In aggiunta alle caratteristiche standard, quali sicurezza, convenienza, prestazioni e stile, l’efficienza e un prezzo abbordabile per il mercato di massa sono stati elementi importanti nella selezione della Green Car of the Year.

Di aspetto più sofisticato, montata su una piattaforma più rigida con sospensioni posteriori a bracci multipli indipendenti, la Toyota Corolla di dodicesima generazione ha convinto anche per la sua guida e manovrabilità migliorate, nonché una gamma completa di sistemi di assistenza alla guida che non ha nulla da invidiare ai modelli più costosi.

Altre news